Ergonomia e nautica da diporto

L’Articolo, scritto a quattro mani con Leonardo Zuccaro, affronta la delicata tematica della definizione del rapporto forma/funzione durante la progettazione di una barca e del ruolo che dovrebbe e/o protrebbe rivestire l’Ergonomia in questo processo. Di seguito un estratto dell’articolo: "Da sempre sbattere la testa, scivolare e inciampare è la normalità per la maggioranza dei diportisti. Il velista tipo assomiglia sempre di più a un giocatore di rugby, perennemente assillato come è da dolori muscolari e articolari, da microfratture, contusioni, abrasioni e ferite di ogni tipo. Fino a poco tempo fa si spiegava questo stato delle cose sostenendo semplicemente l'inadeguatezza sostanziale dell'uomo a vivere in spazi ristretti e instabili come quelli di una barca. Era opinione comune non solo che la scomodità e la fatica fossero ineluttabili ma che addirittura costituissero il vanto e la peculiarità caratterizzante della disciplina velica. La 'perversità' delle barche apparirebbe più chiara e tutt'altro che innata se venisse analizzata dal punto di vista ergonomico. Ci si renderebbe facilmente conto che dietro alla cronica mancanza di appigli, allo scorretto dimensionamento della discesa e all'uso di materiali antiscivolo poco efficaci non c'è né un maligno progetto delle macchine a sottomettere l'uomo, né l' “inettitudine meccanica” (Donald A. Norman) dell'uomo stesso".

Risorse aggiuntive

About

Attraverso la conoscenza delle caratteristiche psico-fisiche degli utenti e lo studio dei loro comportamenti ed esigenze, supportiamo i nostri clienti nello sviluppare prodotti di consumo e professionali, ambienti lavorativi ed extralavorativi e servizi a misura d’uomo, al fine di renderli accessibili, sicuri, usabili e confortevoli.

Sede legale

Ergoproject Srl
Viale XXI Aprile, 15
00162, Roma
P.IVA – C.F. 10620401009
C.S.I.V. 10.000

Sede operativa

Ergoproject Srl
Via Francesco Negri, 53
00154, Roma

info@ergoproject.it

Tel/Fax +39 06 92915 789‬